Team 3

Team 3


Raffaele Saladino, Professore Ordinario di Chimica Organica, Bioorganica e Chimica delle sostanze naturali

saladino@unitus.it



Dipartimento di Ecologia e Biologia, Università degli Studi della Tuscia


Bruno Mattia Bizzarri

Ricercatore, dipartimento di Ecologia e Biologia, Università degli studi della Tuscia

Lorenzo Botta

Ricercatore, dipartimento di Ecologia e Biologia, Università degli studi della Tuscia

Angelica Fanelli

Dottoranda, dipartimento di Ecologia e Biologia, Università degli studi della Tuscia

Silvia Cesarini

Dottoranda, dipartimento di Ecologia e Biologia, Università degli studi della Tuscia


Sintesi prebiotica di nucleotidi mediante irradiazione protonica


E' stato sviluppato un modello di sintesi prebiotica di nucleotidi adenosinici tramite fosforilazione della adenosina con un minerale fosfato, caratteristico della Terra primitiva (idrossi apatite), in condizioni sperimentali che imitano il Vento Solare e in presenza di un meteorite acondritico (NWA 2828). La reazione è stata condotta presso l'acceleratore Phasatron del Joint Institute of Nuclear Research irradiando i campioni a 298 K con un fascio di protoni di energia pari a 170 MeV. (dose assorbita pari 6,0 Gy). In queste condizioni sperimentali sono stati osservati prodotti di diversi nucleotidi adenosinici, oltre a polifosfati inorganici di vario peso molecolare, evidenziando l'elevata reattività del sistema.



Formazione di Idrocarburi policiclici aromatici ossidati (oxy-PAH) e di precursori della Materia organica insolubile (IOM) tramite irradiazione protonica in presenza di urea


L’irradiazione Idrocarburi policiclici aromatici ed urea ha prodotto numerosi componenti dell’ apparato pre-genetico e pre-metabolico in associazione alla formazione di idrocarburi policiclici aromatici ossidati caratterizzati dalla presenza di atomi di azoto. Materiali di questa natura sono simili alla materia organica insolubile presente nella matrice minerale dei meteoriti e degli asteroidi e possono essere degradati per formare a loro volta composti organici di interesse biologico.



Sviluppo di modelli di transglicosilazione abiotica


La formazione del legame glicosilico tra uno zucchero e la base nucleica è un processo critico nell'origine prebiotica di nucleosidi poiché entrambi i reagenti sono termodinamicamente stabili e non si verifica un’ ulteriore stabilizzazione al momento del legame. Tuttavia il processo sintetico, che normalmente avviene mediante sintesi multistep, può avvenire in presenza di un’ elevata fonte di energia come condizioni di radiatività (flusso di protoni da elio accellerato) che mimano il Vento Solare.


E’ stato messo a punto un processo di trans-glicosilazione abiotica a partire da un unico precursone adeninico per la sintesi di nucleosidi dell’ RNA.

La sintesi effettuata in presenza di formamide e di un meteorite condrite (NWA 1465) come catalizzatore ha mostrato un elevato grado di reattività insieme ad una elevata stereospecificità e regioselettività.